top of page

Bon Ton del Fumo

Esiste davvero il Bon Ton del fumo? Ebbene si, anche il fumatore, deve seguire un certo galateo nel rispetto delle altre persone. Dunque, quali sono le regole da seguire?

In questo articolo non parliamo del fumo in termini di salute e delle campagne antifumo e che la sigaretta fa male. Una persona fino a prova contraria, è comunque libera di fumare se non infrange alcun divieto, rispettando il prossimo e seguendo semplici regole del bon ton.

saba wesser, Audrey Hepburn, galateo

Una volta, fumare era considerato seducente, si potrebbe dire un ‘dettaglio di stile’. Quante immagini di donne e uomini del cinema, hanno posato davanti all’obiettivo con la sigaretta tra le labbra?

Alcuni nomi famosi? Audrey Hepburn, Rita Hayworth, James Dean, Marlon Brando, Jean Paul Belmondo, John Travolta, Robert De Niro, Paul Newman, Marcello Mastroianni, Clint Eastwood e moltissimi altri…

saba wesser, Paul Newman galateo

10 gennaio 2005, entra in vigore la legge 3/2003 (art. 51: “tutela della salute dei non fumatori”), che vieta il fumo nei luoghi pubblici, come gli uffici, gli ospedali, i mezzi di trasporto, i negozi i ristornati ed i bar e così via.

Bon Ton del Fumo in Pillole:

  • Se si entra in qualsiasi luogo chiuso, come uffici, negozi, ristoranti, ascensori o mezzi pubblici, la sigaretta deve essere spenta prima di accedervi.

  • Fumare per strada è consentito, a patto di rispettare eventuali divieti, anche se NON è particolarmente elegante fumare soprattutto per una signora. E’ decisamente volgare e ritenuto un comportamento tipico da ‘poco di buono’.

  • Nei ristoranti è consentito fumare solo nella saletta riservata ai fumatori. Il bon ton prevede che il fumatore chieda comunque il permesso ai vicini.

  • Nei posti in cui il fumo non è vietato, è opportuno sempre chiedere alle persone presenti, il permesso di fumare. Vale anche se ci troviamo all’aperto.

  • Il fumatore è tenuto a rispettare sempre i divieti.

  • Assolutamente vietato parlare della propria Dipendenza dal fumo.

  • Se vi viene chiesto l’accendino o dei fiammiferi, passateli senza lanciarli.

  • Il galateo prevede che se siete fumatori abituali, è buona regola avere sempre con sé l’accendino o cerini, e dunque evitare di doverlo chiedere in continuazione infastidendo il prossimo.

  • Se usate il fiammifero, spegnetelo con un gesto secco del polso, evitando di soffiarci sopra come fosse una candelina sulla torta.

  • Se incontrate qualcuno per strada, e vi fermate a scambiare due parole e a salutare, prima spegnere la sigaretta.

  • NON gettare i mozziconi di sigarette sui marciapiedi, per strada o in qualsiasi altro luogo. Si spengono nel posacenere! Non solo è da maleducati, ma anche irrispettoso nei confronti dell’ambiente e di chi si occupa della manutenzione del suolo pubblico. Sarebbe una buona abitudine averne con sé uno portatile.

  • Scroccare sigarette è un gesto di grande maleducazione.

  • Se ci viene offerta una sigaretta, è possibile accettarla.

  • In un gruppo di fumatori, di norma, l’uomo dovrà accendere prima la sigaretta alla signora, poi porgerà l’accendino agli altri uomini presenti, e solo alla fine si accenderà la propria sigaretta.

  • Una donna fumatrice accenderà prima la sua sigaretta, solo dopo porgerà l’accendino ai presenti. Ma il bon ton prevede sempre che se è una signora è in compagnia di un uomo, sarà quest’ultimo ad offrirsi ad accendere la sigaretta alla signora.

  • Una signora, non accende MAI la sigaretta all’uomo.

  • Non si entra MAI in una casa o in nessun altro luogo, con la sigaretta accesa.

  • Se siamo ospiti in una casa, chiedere sempre il permesso per fumare, ed è preferibili fumare a fine pasto.

  • Se si ha confidenza e si è tutti fumatori, saranno i padroni di casa a dare il via libera.

  • Se ottenuto il permesso di fumare, procedere con moderazione, senza accendere una sigaretta dietro l’altra.

  • La padrona di casa, che concederà ai propri ospiti di accendere una sigaretta, dovrebbe avere a disposizione delle candele antifumo.

  • Attenzione anche a non gettare il fumo addosso alle persone. Non solo è un gesto fastidioso, ma risulta essere aggressivo e volgare.

  • Di buona regola è comunque vietato fumare a tavola, in camera da letto ed in quella dei bambini.

  • A tavola di buona regola non si fuma, soprattutto tra una portata e l’altra. Questo anche per non sconvolgere il sapori dei piatti e dei vini.

  • Vietato fumare in presenza di donne incinte, bambini, anziani o malati.

  • Se ci troviamo in auto, il conducente NON deve fumare se è accompagnato da non fumatori.

  • Stessa regola, vale ovviamente per gli accompagnatori nel caso fossero dei fumatori.

  • Nel caso fosse concesso fumare in auto durante un luno viaggio, cercate di fumare una sola sigaretta e non abusare del favore.

  • Sigari e pipa, come vuole la tradizione, si fumano esclusivamente in salotto. Se ospiti, chiedete il permesso alla padrona di casa.

Non dimentichiamoci delle sigarette elettroniche, considerate esattamente come quelle normali! Spesso producono vapori fastidiosi ed aromi peggio delle sigarette stesse, e possono dare seriamente fastidio. Infatti il galateo moderno, consiglia a tali fumatori di seguire le regole tradizionali per il Bon Ton del fumo.

PS: Sono una fumatrice, ed osservo tutte quante le regole…

Storia della Sigaretta

Da dove e quando nasce la sigaretta? Chi l’ha inventata?

La nascita della sigaretta è decisamente controversa. Si dice fu inventata nel 1831 dai soldati musulmani che, durante l’assedio di San Giovanni d’Acri (oggi Israele), per sostituire l’ingombro del narghilè, usarono dei tubetti di carta svuotati della polvere da sparo, inserendo del tabacco sminuzzato.

Ma l’arrivo nel mondo moderno, dell’uso di inalare il fumo prodotto dalla combustione delle foglie di tabacco, avvenne il 28 novembre 1587, in Gran Bretagna, sotto il regno di Elisabetta I.

La Storia di James Buckanan Duke

Fu James Buchanan Duke che nel 1885 a Durham nel North Carolina, iniziò la produzione industriale e la commercializzazione delle sigarette, trasformandole in uno dei fenomeni culturali di massa del Ventesimo secolo.


Chi e’ stato il primo uomo a fumare?

Dalle ricerche effettuate, parrebbe che il primo europeo a fumare, fu Rodrigo de Jeréz, un compagno di Cristoforo Colombo.

Cosa si fumava prima delle sigarette?

In realtà si fumava un po’ di tutto: lavanda e anice, canapa e ginepro, erba di Cipro e farfaro, oppio e funghi.

saba wesser, galateo

Saba Wesser

Nata a Genova, di nobili origini etiopi, Saba ha da sempre seguito lezioni di buone maniere sin dalla sua infanzia grazie all'istruzione di un'educatrice privata. Nel corso degli anni, ha trasformato questa passione per l'eleganza in una carriera, diventando istruttrice di galateo e bon ton. Prima di dedicarsi completamente a questo campo, Saba ha intrapreso una carriera come modella e presentatrice, abbandonandola nel 2008 per approfondire gli studi come modellista e designer di moda.I suoi interessi la hanno portata a frequentare l'istituto turistico e alberghiero durante la giovinezza, ma è stato il suo amore per i viaggi a definire gran parte del suo percorso. Con 48 traslochi alle spalle, ha vissuto in molte parti del mondo, arricchendo la sua prospettiva personale, culturale e formativa.Oggi, dopo anni di esperienze all'estero, Saba è ritornata nella sua Liguria natale, dedicandosi all'event management, all'insegnamento di corsi di galateo e consulenze. La sua versatilità emerge anche nella sua veste di conduttrice e produttrice del format "PONENTE", che si occupa di marketing territoriale, dimostrando la sua continua dedizione al mondo delle buone maniere e al progresso della sua comunità locale. 


Comentarios


Los comentarios se han desactivado.
bottom of page